SEVENTEEN MEMORIES: QUANDO LA BIRRA INCONTRA I RICORDI – parte 3

Com’è fatta la Seventeen Memories.

Annunci

Nello scorso articolo abbiamo parlato un po’ della storia di questa birra e del perché si chiama così.
Adesso vi starete chiedendo: “si, ma come è fatta questa birra? Che ingredienti avete usato?”
Ve lo diciamo subito!

Come già accennato nel primo articolo, lo stile di questa birra è American Wheat Ale. E’ uno stile giovane e molto versatile perchè non si ingabbia in schemi ben precisi.
La prima America Wheat è stata realizzata nel 1983 da Anchor Brewing Company, a San Francisco.

img-20160919-wa0019“In sostanza si tratta di una Weizenbier tedesca come ricetta, quindi intorno ai 5 gradi alcolici e a base di frumento maltato, ma realizzata con lievito neutrale tipico degli USA. La scelta degli ingredienti, poi, non è così rigida: l’importante è che la birra sia chiara, o al massimo dorata; e che nel profilo di esteri non compaiano banana o note fenoliche, speziate, di chiodo di garofano, quindi niente lieviti da Weizen e nemmeno del Belgio. Per tutto il resto, più o meno, carta bianca: possono essere limpide o velate, secche o con un certo corpo, piuttosto amare e luppolate o più abboccate. Anche la scelta dei luppoli non è certo limitata alle varietà tradizionali tedesche o a quelle americane, si può usare ciò che più aggrada. Anche nel lievito, quando non troppo caratterizzante, c’è libera scelta. Insomma, uno stile moderno e flessibile che lascia molto spazio alla creatività.” fonte www.fermentobirra.com

E’ una birra chiara, leggera (4.5% vol.) di facile bevuta. Visivamente risulta essere leggermente opalescente con un cappello di schiuma bianco e compatto.
Al naso, grazie alla luppolatura prevalentemente Americana (Simcoe e Citra) spiccano note floreali associate a sentori agrumati.
Lo Styrian golding è il terzo luppolo utilizzato, scelto per controbilanciare gli aromi del Simcoe e del Citra spostando gli aromi con un tocco erbaceo e resinoso.
Per la produzione abbiamo scelto un malto Pils associato al frumento, con percentuali che sfiorano il 50 %; questi sono accompagnati da una piccola quantità di malto Pale Ale e Vienna (< al 10%), che le conferiscono più corpo ed un colore dorato, oltre ad un gusto leggermente più maltato.

Fresca, delicata ed aromatica, sono questi i tre punti di forza della nuova nata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...